Insegnare matematica: quando i conti… tornano (1)

Pubblicato: 10 luglio 2015 da alicemate in A SCUOLA DAI MATEMATICI, AGGIORNAMENTO, DIDATTICA
Tag:, , , , , ,

slider1Al  convegno “INSEGNARE E APPRENDERE LA MATEMATICA” tenuto a Rimini il 15 e 16 maggio scorsi, sono intervenuti tanti relatori esperti del settore, ed è stato interessante vedere i diversi punti di vista e scoprire che la maggior parte erano convergenti e complementari. Appunto gli interventi che ho seguito con qualche annotazione, in attesa che il sito del Convegno si aggiorni.

(clicca sull’immagine per andare al sito)

– I materiali pubblicati resi disponibili dai relatori QUI (Atti del Convegno)

1- Perché è sempre più importante studiare la matematica ( Natalini Roberto, Direttore Istituto per le Applicazioni del Calcolo “M. Picone”, CNR, Roma)

Perchè viviamo in una società che usa tanta matematica, spesso nascosta. Perchè è utile e offre opportunità di lavori creativi e interessanti. …

vedi Qui il materiale del relatore

sito indicato su cui pubblica:  MADDMATHS

——————-

2- L’istinto matematico. Cervelli che contano ( Vallortigara Giorgio, Direttore CIMeC, Università di Trento)

L’istinto del numero esiste, ce l’hanno anche gli animali. La numerosità è innata. Migliorare le capacità matematiche si può esponendo i bambini alla visualizzazione di numerosità.

I due linguaggi verbale e matematico sono indipendenti.

—————-

3- Matematica per i maschi, italiano per le femmine? Come ridurre la minaccia degli stereotipi di genere in classe (Tomasetto Carlo, Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna)

 

È vero che i maschi sono più bravi in matematica? (dal blog del sito del Convegno)

 

Stereotipi e matematica. Cos’è uno stereotipo? Quando si acquisiscono gli stereotipi?

A sei anni le bambine già associano più preferibilmente maschio a numero. Le femmine pensano di essere più brave perchè si impegnano. I maschi riescono perchè sono bravi, si sentono capaci. Gli stereotipi si combattono in età prescolare o scolare, dopo è troppo tardi.

Chi fornisce modelli in casa ⇒ i messaggi impliciti ⇓

chi legge l’estratto conto? chi si occupa dei compiti difficili? chi prepara il viaggio?

————————————-

4- Raccontare la matematica (Cerasoli Anna, matematica e scrittrice)

Calo della preparazione matematica in italia. Perchè? Perchè è troppo astratta.

Bisogna utilizzare più metafore per insegnare matematica ⇒ la metafora trasferisce una conoscenza che già conosco in un’altra da scoprire

Intervista    bibliografia Ed.Scienza   biblliografia Feltrinelli

———————

5- Errori e difficoltà in matematica  (Zan Rosetta, Dipartimento di Matematica, Università di Pisa)

L’apprendimento è un’attività costruttiva, costruita dal discente che attivamente interpreta l’esperienza.

Il ruolo del contesto ⇒costruire un contesto per richiamare gli apprendimenti

                                     ⇐destrutturare il contesto per valutare le competenze

Popper, il ruolo dell’errore

“Gli insegnanti dovrebbero riuscire a far comprendere ai propri allievi che l’errore non è qualcosa di scandaloso, bensì il motore sia delle scoperte scientifiche che del processo formativo in cui sono coinvolti.

Gli insegnanti dovrebbero sforzarsi, tramite un sapiente sfruttamento didattico dell’errore, di fare acquisire agli studenti una mentalità critica e una disponibilità a sospendere il giudizio, così come un atteggiamento razionale nei confronti di ciò che accade e di ciò che si conosce, poiché in tali atteggiamenti risiede tutto il valore formativo dell’educazione.”

“L’uomo di scienza riconosce nel pensiero critico il suo principale strumento di lavoro e le critiche dei suoi colleghi, lungi dall’essere offensive, costituiscono per lui un prezioso aiuto che deve essere costantemente ricercato e favorevolmente accolto. A detta di Popper, una volta che una congettura è stata formulata, i ricercatori devono impegnarsi a individuare quei fatti che possono confutarla. Quella che chiamiamo verifica di una teoria consiste infatti in questo: nel vedere se non si riesca a trovare in essa un punto debole.”

fonte

———————-

6- L’intelligenza dell’errore (Lucangeli Daniela, Psicologia dello sviluppo presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Padova)

Come si impara?

Parliamo di… intelligenza numerica (dal blog del sito del Convegno)

– Insegnamento, dare informazioni: da fuori a dentro

– Il potere costruttivo del cervello interpreta le informazioni: da dentro a dentro e in questa fase si formano gli errori di approssimazione con contaminazioni e misconcezioni.

– L’informazione torna fuori come nostra conoscenza approssimata: da dentro a fuori

Lucangeli

Come superare l’errore?
Non sottolinearlo, non fare esercizi finchè non si è trovato l’errore.
L’ aspetto fondamentale che spesso i protagonisti dell’insegnamento tengono in poca considerazione riguarda la COMPONENTE EMOTIVO-EMOZIONALE: essa contribuisce solitamente a fornire le ragioni che sottostanno ai comportamenti dei soggetti nei confronti dell’apprendimento.
Le emozioni positive che derivano dall’esercizio delle proprie abilità rinforzano la motivazione intrinseca, che si manifesta nei nuovi tentativi di padronanza di abilità.
Dunque l’emozione si lega come parte integrante nel processo di apprendimento, come flusso di azioni, IL FLUSSO DELL’INTELLIGERE
La cognizione non è separata dall’emozione: quando impariamo provando paura, ogni volta che apprendiamo proviamo paura. Se apprendiamo con noia, ogni apprendimento sarà noioso…
Per l’ 87%  è la paura l’emozione che traccia il percorso di apprendimento. Paura e senso di colpa.
– LA NOIA E RIPETIZIONE PASSIVA DANNEGGIANO IL POTERE CREATIVO DEL CERVELLO
– L’EFFICACIA DEL SORRISO
– GLI EFFETTI DELL’INCORAGGIAMENTO
vedere i due documenti:
LUCANGELI-DANIELA-2  (con esempi di errori)

—————————-

7-  Percorsi creativi di matematica (Caliari Samuela e Danieli Katia, Area programmi MUSE – Museo delle Scienze di Trento)

Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio imparo“(Confucio)

Se mi emoziono, mi appassiono!

Ecco è il modo per insegnare la matematica: dalla pratica, dal fare, provare, sperimentare per poi capire, ma questo non basta! Senza il coinvolgimento della parte emotiva non si riesce a mantenere impegno, sforzo, interesse! Quindi un insegnante deve attivarsi a motivare con creatività ed empatia i suoi studenti se vuole essere seguito!

……………………………..

Altri articoli dal convegno:

I problemi di Gagliardini Emanuele

– Matematica al volo di Camillo Bortolato

Prove INVALSI di Federica Ferretti (con approfondimenti di Fandiño Pinilla e Bruno D’Amore)

Pubblicato e linkato al sito dell'I.C.Traona dall'ins. Maria Valenti (Alicemate) 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...