La scuola vista da grandi INNOVATORI

Pubblicato: 9 febbraio 2013 da alicemate in DIDATTICA, NUOVE TECNOLOGIE
Tag:, , , , , ,
Steve Jobs e Bill Gates

Steve Jobs e Bill Gates

Dal libro “Steve  Jobs” di Walter Isaacson

Quello che ho trovato intorno alla scuola, non perchè lo condivida in toto, ma per farne un punto di libera riflessione… si può dire libera riflessione?

Riporto:

Ottobre 2010

“Il presidente Obama incontra Jobs per quarantacinque minuti all’aeroporto Westin di San Francisco.

Steve Jobs attaccò anche il sistema scolastico americano, dicendo che era sciaguratamente antiquato e paralizzato dalle norme sindacali. Finchè i sindacati degli insegnanti non fossero stati messi alle corde, riformare il sistema dell’istruzione sarebbe stato impossibile. Gli insegnanti dovevano essere trattati come professionisti, non come gli operai di una catena di montaggio. I responsabili d’istituto dovevano essere messi in condizione di assumerli e licenziarli sulla base dell’effettiva capacità. E le scuole dovevano restare aperte fino alle sei del pomeriggio e attive undici mesi all’anno. Inoltre, aggiunse, era assurdo che le lezioni in America si facessero ancora con l’insegnante alla lavagna e i libri di testo alla mano: tutti gli strumenti di apprendimento e di verifica dovevano essere digitali e interattivi, tagliati su misura per ciascun studente e capaci di dare un feedback in tempo reale.”

Maggio 2011

“Tramite un loro amico, Bill Gates si incontra con Steve Jobs a casa di Jobs dove passarono più di tre ore insieme.

Jobs pose alcune domande sulla formazione scolastica e Bill Gates spiegò come vedeva le scuole del futuro, con gli studenti che seguono da soli conferenze e lezioni in video, usando il tempo in classe per intavolare dibattiti e cercare soluzioni ai problemi. Convennero sul fatto che fino a quel momento i computer avevano avuto ben poco peso sulle scuole, molto meno che in altri ambiti della società, come il mondo dei media, la medicina e l’ambiente legale. Perchè questo stato di cose cambi, disse Gates, è necessario che i computer e gli apparecchi portatili offrano in primo luogo lezioni personalizzate e feedback capaci di motivare.”

“C’erano molte altre idee e molti altri progetti che Jobs sperava di realizzare. Voleva sconvolgere il settore dei libri di testo e salvare la colonna vertebrale dei poveri studenti carichi di tomi cartacei creando manuali e materiale per i corsi di studio in formato elettronico per l’iPad.”

 …………………………………………………………………………

Per concludere sull’IDEA che mi ha reso questa lettura una bella avventura!

“Con la sua implacabile foga, per cui lavorare con Jobs poteva essere un’esperienza tanto inquietante quanto emozionante, ha dato vita all’azienda più creativa del mondo, … la realtà imprenditoriale più a suo agio nel punto di incontro fra ARTE e TECNOLOGIA.”

 “Il punto di incontro tra discipline umanistiche e scienza: è un punto di incontro che AMO. In esso c’è qualcosa di MAGICO. “

La mia classe 1^ al lavoro!

La mia classe 1^
al lavoro!

E chi non è d’accordo? E  nel campo della tecnologia a scuola? Per chi ha la Lim, impegnarsi con  programmi e fascinazioni varie… ma le fascinazioni e i programmi  utilizzarli “creativamente”  per cercare feedback con la classe/alunno.

Quando le cose funzionano bene (e qui spero  che la scuola si attivi meglio),  e in più sono belle, cioè ci rendono felici per la loro bontà, non può che esserci crescita per tutti, anche nella scuola ???

Quindi insegnanti artisti e scienziati?  

Ok, … facendo le debite semplificazioni: bravi professionisti della formazione? 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...